Jovanotti, Ragazza Magica: la nascita e gli accordi [VIDEO]

Lorenzo Jovanotti Cherubini ha presentato un’ora fa la nascita della canzone Ragazza magica sul suo profilo Facebook con un video del “Corriere della Sera” che potete trovare cliccando qui 

Il singolo è il sesto estratto dall’album “Lorenzo 2015 CC” dopo il successo dei bellissimi brani “Sabato”, “Gli immortali”, “L’estate addosso”, “Pieno di vita” e “E non hai visto ancora niente”. Quest’ultimo pezzo come i suoi vari “Bella”, “Un Raggio di sole” e “Serenata Rap” arrivano dritti al cuore e ti fanno sognare l’estate ormai imminente e la voglia di cominciare un nuovo amore o di legarsi ancora di più alla persona amata. Una canzone spensierata in tutte le sue forme, leggera, sincera e mai banale come lo stesso Jovanotti.

Lorenzo ha regalato ai fan anche gli accordi di “Ragazza magica” per le nostre sere in spiaggia in riva al mare dove c’è sempre un nostro amico a suonare i pezzi più belli per farci sognare. Cliccando sulla foto, si ingrandisce.

accordi-ragazza-magica

Qui le “modalità d’uso” che lo stesso Jovanotti ha scritto sulla sua pagina Facebook:

“RAGAZZA MAGICA
modalità d’uso :

-provatela al mattino sforzandovi di stamparvi un sorriso in faccia, renderà la vostra giornata migliore, forse, speriamo, ma sì (a qualcuno è successo).
-ascoltarla in macchina con il finestrino abbassato e il braccio fuori è una condizione ideale, al semaforo possono crearsi festicciole di strada improvvisate.
-se la ascoltate mentre cucinate le pietanze usciranno più buone, e potete anche ballare un po’, anche senza che nessuno vi veda.
-se la beccate in radio ascoltatela fino alla fine e poi abbassate un po’ il volume per godervi il retrogusto prima di sentire altre canzoni.
-se la dedicate ad una innamorata ella non potrà resistervi, è matematico, funziona bene anche per fare la pace in caso di litigio sulle solite cazzate.
-se siete ragazze potete anche dedicarla a voi stesse, va benissimo e non ci sono controindicazioni.
-potete anche associare all’ascolto balletti improbabili e andare fuori tempo, è un tipo di canzone adatta.
-se la fate ascoltare al vostro gatto noterete un certo apprezzamento, i gatti hanno buon gusto, si sa.
-evitate di esporla al giudizio dei tromboni che dicono “è il solito pezzo di Jovanotti”. Hanno ragione, per questo è una figata, ma non lo ammettono!
-ok, fate come vi pare.
-buon ascolto!”

Commenta su Facebook

Federica Massari

Ha creato e dirige Arcinews. Giornalista professionista nata e cresciuta a Napoli. Dedica ogni giorno ‘Odi et amo’ alla sua città. Ha lavorato come stagista e collaboratrice per la testata ‘Il Denaro‘. E’ stata alla Rai nella redazione del ‘Tg2‘.
Ha condotto un programma radiofonico chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’ a Roma. Ha lavorato al ‘Corriere di Salerno’ come redattrice e collaboratrice esterna.
Il suo monito è tratto da una poesia di Frost: “Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono diverso”.
La frase che le dà forza è di Eduardo De Filippo: “Lu tiempo de li llacrem’ è passato. Mo’ è tiemp’ ’e core tuosto e faccia tosta”.
Laureata in Filosofia e comunicazione all’Università “L’Orientale” di Napoli. Ha conseguito un master in giornalismo all’Università di Salerno.
Federica Massari

Federica Massari

Ha creato e dirige Arcinews. Giornalista professionista nata e cresciuta a Napoli. Dedica ogni giorno ‘Odi et amo’ alla sua città. Ha lavorato come stagista e collaboratrice per la testata ‘Il Denaro‘. E’ stata alla Rai nella redazione del ‘Tg2‘. Ha condotto un programma radiofonico chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’ a Roma. Ha lavorato al ‘Corriere di Salerno’ come redattrice e collaboratrice esterna. Il suo monito è tratto da una poesia di Frost: “Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono diverso”. La frase che le dà forza è di Eduardo De Filippo: “Lu tiempo de li llacrem’ è passato. Mo’ è tiemp’ ’e core tuosto e faccia tosta”. Laureata in Filosofia e comunicazione all’Università “L’Orientale” di Napoli. Ha conseguito un master in giornalismo all’Università di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi