Le diete più diffuse per perdere dai 5 kg ai 10 kg

Con l’estate vi eravate promessi di cercare tra le diete più equilibrate quella più adatta per perdere quei 5 kg di troppo e superare la prova costume. Altri in forte sovrappeso erano alla ricerca di una dieta più rigida così da eliminare anche 10 kg e raggiungere finalmente il peso forma. La bella stagione è arrivata, vi siete concessi degli “strappi” senza sensi di colpa con la promessa di riprovarci a vacanze ultimate. Settembre è arrivato e adesso non ci sono più scuse per rimandare i vostri buoni propositi. A prescindere dal peso è sempre meglio affidarsi a specialisti in ambito della nutrizione. Sarete ben indirizzati secondo lo stile di vita, le abitudini ed eventuali patologie. Ma ecco quali sono le diete più diffuse per perdere dai 5 ai 10 kg.

Dimagrire troppo velocemente

dietePrima di cominciare, è bene ricordare che l’organismo va abituato a un stile di vita sano ed equilibrato. Questo vuol dire che non bisogna prendere come oro colato le diete che vi permettono di perder peso troppo velocemente: una volta raggiunto il peso desiderato basterà ritornare a mangiare come prima per rimettere tutti i chili persi e spesso… con gli interessi! A lungo andare il cosiddetto effetto yo-yo può causare un netto rallentamento del metabolismo. Senza rendercene conto potremmo bloccarlo e soffrire di problemi alla salute. Le regole di base per perdere peso in maniera equilibrata sono semplici. Occorre mangiare nelle giuste quantità e praticare attività sportiva. Prediligete inoltre alimenti ricchi di fibre che favoriscono la digestione.

Diete per perdere dai 5 ai 10 kg

La diete che vi illustreremo permettono di dimagrire dai 5 ai 10 kg in poco tempo. Servono per le “emergenze”. All’ultimo momento la vostra vecchia amica del liceo dà una festa e ci sarà quel ragazzo che vi piace? Non volete certo farvi vedere rotondette! Provate allora a seguire delle semplicissime regole. Dimenticate le bevande gassate. Quest’ultime contengono calorie e zuccheri che fanno male e non vi servono. Prediligete invece succhi di frutta naturali (spremute di arancia) e tanta acqua. Bere vi aiuterà ad accelerare il metabolismo e ad eliminare i liquidi in eccesso. Andiamo ora a vedere quali cibi eliminare per perdere dai 5 ai 10 kg in poco tempo. Pasta, pane, pizza e riso bianco sono buoni ma fanno anche ingrassare velocemente. Favoriscono la formazione di gas nella pancia creando gonfiore addominale. Contengono inoltre zuccheri semplici che stimolano la fame così da portarvi a mangiare ancora. Il senso di sazietà dura ben poco e quindi meglio evitarli. Ogni giorno assumete due o tre porzioni di verdura (meglio se a foglia verde) e prediligete le farine integrali. I carboidrati complessi e le verdure aiutano a raggiungere il senso di sazietà e sono nostri alleati contro la ritenzione idrica. A pranzo e cena preparate carne bianca o pesce. Come contorno un piatto di verdure crude o scottate in padella. Il tutto condito con poco olio e un pizzico di sale.

L’importanza dell’attività fisica e del sonno

Durante questa dieta lampo è importante praticare attività fisica anche moderata. Una corsetta di prima dormiremattina dopo una tazza di caffè vi aiuterà a raggiungere i risultati sperati. Va bene qualsiasi esercizio di cardio come il tappeto o la cyclette o anche un corso di spinning. Cercate di dormire una mezz’ora in più durante la notte. Un sonno di 7 ore oltre a farvi sentire più riposati aiuta il metabolismo e il tono muscolare. Dopo cena preparatevi una tisana e fatevi una bella dormita. I dolci e gli alcolici sono completamente off-limits.

Dieta del super metabolismo per perdere 10 kg in un mese

Tra le diete più diffuse per perdere fino a 10 kg c’è quella del super metabolismo da condurre per 28 giorni (non di più). Questo regime alimentare è stato portato alla ribalta dalla nutrizionista delle star Haylie Pomroy. Ha convinto attrici di Hollywood come Jennifer Lopez per la velocità del dimagrimento ma non solo. Sono stati riscontrati infatti alcuni benefici all’organismo: la stabilizzazione dell’indice glicemico e la riduzione dei livelli di colesterolo cattivo. La dieta si basa sul potere di alcuni alimenti di bruciare i grassi e accelerare il metabolismo. Si divide in tre fasi fino a perdere 10 kg in quattro settimane.

Semplici regole da seguire per 4 settimane

 

  1. Rispettare le tre fasi della dieta (si alternano ogni due-tre giorni in cicli settimanali).
  2. Bere 30 cl di acqua per ogni chilo corporeo. Se una persona pesa 50 kg dovrà berne un litro e mezzo. Eliminerete così le impurità.
  3. Non saltare mai i pasti. Mangiate 5 volte al giorno tra colazione, pranzo, cena e merenda.
  4. Consumare il primo pasto della giornata entro mezz’ora dal risveglio. Il metabolismo diventa più lento durante il sonno e si riattiva appena svegli. Saltare la colazione vuol dire rallentarlo.
  5. Fate attività fisica tre volte alla settimana.
  6. Preferite alimenti biologici.

 

Un esempio di dieta del super metabolismo

Prima fase (lunedì e martedì). Gli alimenti consentiti sono verdure, frutta, proteine e cereali. A colazione mangiate una porzione di cereali accompagnata da un frutto. A pranzo e cena oltre a cereali e frutta, aggiungete una grossa quantità di verdure a foglia verde. Lo spuntino di metà mattinata e metà pomeriggio sarà perentoriamente a base di frutta.

La seconda fase (mercoledì e giovedì) comprenderà oltre alle verdure anche carne e pesce. A colazione e durante gli spuntini preparatevi delle omelette utilizzando solo l’albume. A pranzo e cena spazio a pesce, carne magra (il tacchino è da preferire al pollo), insaccati magri e verdure.

La terza fase della dieta del super metabolismo (venerdì e weekend) prevede alimenti come il riso integrale. A pranzo e cena potete scegliere tra una porzione di avena, quinoa o riso (integrale). Come secondo carne o pesce e una porzione di verdure (non devono mai mancare sulla vostra tavola). A fine pasto mangiate un frutto.

Dieta del riso per perdere fino a 5 kg

dieta del risoUna delle diete molto in voga per perdere fino a 5 chili è quella del riso. Questo alimento ha alte proprietà depurative, aiuta a combattere la ritenzione idrica ed elimina le tossine. Ha un alto potere saziante che vi aiuterà a non cadere in tentazione tra un pasto e l’altro. La dieta si basa su un unico principale alimento cucinato in vari modi. Per questo motivo è bene sentire il parere di un medico e non condurre la dieta sul lungo periodo.

Come funziona la dieta del riso: prima fase

La dieta comprende due fasi: la prima di 3 giorni per depurare l’organismo e la seconda di 9 giorni per dimagrire fino a 5 kg. Durante i primi tre giorni si mangia quasi esclusivamente riso. A colazione preparate una crema di riso (cuocendolo a lungo e frullandolo fino ad ottenere un composto cremoso). Per renderlo più appetibile aggiungete frutta fresca di stagione. Lo zucchero bianco è sconsigliato: usate quello di canna o un cucchiaino di miele. A pranzo: riso integrale condito con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e un frutto fresco. A cena preparate un piatto di minestra di riso con delle verdure di stagione.

Dieta del riso: seconda fase

La seconda fase di 9 giorni prevede a colazione una tazza di latte di riso con 3 gallette di riso su cui potete spalmare della marmellata di frutta. A pranzo: 80 grammi di riso integrale o la stessa quantità di pasta di riso. Spolverate con del formaggio grattugiato e accompagnate con un piatto di verdure. In alternativa al riso sono consentiti pesce o carne magra. Preparate un petto pollo cotto alla griglia o al vapore con pochissimo sale e olio. Durante la merenda è concesso solo un frutto. Infine a cena si può preparare un piatto di 60 grammi di riso lesso con gamberetti al vapore o la stessa quantità insaporito con funghi o verdure. Potete inoltre accompagnarlo da una insalata o da un piatto di verdure grigliate o lesse. Il condimento deve essere ridotto al minimo. Usate poco olio e insaporire le vostre pietanze con spezie aromatiche al posto del sale. Le persone che godono di metabolismo veloce potranno perdere anche più di 5 chili. Dovrete però seguirla per brevi periodi dato la poca varietà degli alimenti. Ultimati i complessivi 12 giorni non buttate all’aria i vostri sforzi. Conducete un’alimentazione equilibrata e varia. Solo così non riprenderete il peso faticosamente perso.

Dieta normoproteica

Se non avete fretta di perdere peso in tempi brevi è meglio scegliere la più efficace delle diete sul lungo periodo. Layoga dieta normoproteica consente di perdere 10 chili in sei mesi. Il segreto del suo successo è il giusto bilanciamento di tutti gli alimenti. Non sono previste drastiche rinunce e i conseguenti morsi della fame. Ha come base la nostra cucina mediterranea apprezzata e invidiata in tutto il mondo. Comprende una grande varietà di cibi che donano il giusto equilibrio al nostro organismo. Per questo motivo è considerata da medici e nutrizionisti più esperti la migliore. Questa dieta si contraddistingue per la giusta combinazione di carboidrati (57%), grassi (26%) e proteine (17%). Come al solito il pasto più importante è la colazione. A prima mattina assumete cerali integrali, yogurt e caffè. Le verdure vanno consumate per due volte al giorno, i legumi tre volte alla settimana. Carne, pesce o formaggi magri come secondo. A merenda biscotti secchi, pane integrale e frutta fresca.

Dimagrire: il cambiamento è nella testa

Non c’è nessuna pozione magica per dimagrire ma solo tanta forza di volontà e impegno. Mens sana in corpore sano diceva un antico poeta latino e aveva ragione. Prima di ogni altra cosa, c’è da capire che bisogna dimagrire per la nostra salute. Una volta innescato questo meccanismo nella nostra testa il resto verrà da sé. Ci sentiremo bene con noi stessi e con gli altri. Senza le “maniglie dell’amore” saremo più affascinanti e finalmente in forma. Lo specchio deve diventare nostro amico più della bilancia. Se la nostra immagine riflessa ci aggrada e soddisfa allora sapremo di stare bene. Siamo noi il miglior giudice di noi stessi.

Commenta su Facebook

Federica Massari

Ha creato e dirige Arcinews. Giornalista professionista nata e cresciuta a Napoli. Dedica ogni giorno ‘Odi et amo’ alla sua città. Ha lavorato come stagista e collaboratrice per la testata ‘Il Denaro‘. E’ stata alla Rai nella redazione del ‘Tg2‘.
Ha condotto un programma radiofonico chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’ a Roma. Ha lavorato al ‘Corriere di Salerno’ come redattrice e collaboratrice esterna.
Il suo monito è tratto da una poesia di Frost: “Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono diverso”.
La frase che le dà forza è di Eduardo De Filippo: “Lu tiempo de li llacrem’ è passato. Mo’ è tiemp’ ’e core tuosto e faccia tosta”.
Laureata in Filosofia e comunicazione all’Università “L’Orientale” di Napoli. Ha conseguito un master in giornalismo all’Università di Salerno.
Federica Massari

Federica Massari

Ha creato e dirige Arcinews. Giornalista professionista nata e cresciuta a Napoli. Dedica ogni giorno ‘Odi et amo’ alla sua città. Ha lavorato come stagista e collaboratrice per la testata ‘Il Denaro‘. E’ stata alla Rai nella redazione del ‘Tg2‘. Ha condotto un programma radiofonico chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’ a Roma. Ha lavorato al ‘Corriere di Salerno’ come redattrice e collaboratrice esterna. Il suo monito è tratto da una poesia di Frost: “Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono diverso”. La frase che le dà forza è di Eduardo De Filippo: “Lu tiempo de li llacrem’ è passato. Mo’ è tiemp’ ’e core tuosto e faccia tosta”. Laureata in Filosofia e comunicazione all’Università “L’Orientale” di Napoli. Ha conseguito un master in giornalismo all’Università di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi