Sanguinaccio: ricetta tipica

La ricetta tipica del Sanguinaccio senza usare sangue di maiale.

Ingredienti

Zucchero: 500 gr

Cacao: 100 gr

Farina: 50 gr

Latte 5 decilitri

Estratto di cannella: 1 goccia

Vanillina: un pizzico

Cedro candito: 75 gr

Savoiardi: a piacere

Procedimento

In una casseruola, mescolate bene lo zucchero con la farina e il cacao passati al setaccio e, rigirando con un mestolo; intrideteli a poco a poco con il latte. Quando il composto sarà liscio e ben lavorato, mettetelo a fuoco lento e fatelo addensare, sempre rigirando col mestolo, come se faceste una crema, finché non avrà raggiunto la consistenza di quest’ultima e finché non avrà alzato tre o quattro bolli.

Togliete allora il sanguinaccio dal fuoco e, rimestandolo ogni tanto, lasciatelo raffreddare. Aggiungetevi infine la goccia di estratto di cannella (o un pizzico di buona cannella in polvere), la vanillina e il cedro, tagliato a piccolissimi dadi.

Mescolate bene, versate in un’insalatiera e servite accompagnato da savoiardi.

Il sanguinaccio si può conservare per parecchi giorni.

Commenta su Facebook

Federica Massari

Ha creato e dirige Arcinews. Giornalista professionista nata e cresciuta a Napoli. Dedica ogni giorno ‘Odi et amo’ alla sua città. Ha lavorato come stagista e collaboratrice per la testata ‘Il Denaro‘. E’ stata alla Rai nella redazione del ‘Tg2‘.
Ha condotto un programma radiofonico chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’ a Roma. Ha lavorato al ‘Corriere di Salerno’ come redattrice e collaboratrice esterna.
Il suo monito è tratto da una poesia di Frost: “Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono diverso”.
La frase che le dà forza è di Eduardo De Filippo: “Lu tiempo de li llacrem’ è passato. Mo’ è tiemp’ ’e core tuosto e faccia tosta”.
Laureata in Filosofia e comunicazione all’Università “L’Orientale” di Napoli. Ha conseguito un master in giornalismo all’Università di Salerno.
Federica Massari

Federica Massari

Ha creato e dirige Arcinews. Giornalista professionista nata e cresciuta a Napoli. Dedica ogni giorno ‘Odi et amo’ alla sua città. Ha lavorato come stagista e collaboratrice per la testata ‘Il Denaro‘. E’ stata alla Rai nella redazione del ‘Tg2‘. Ha condotto un programma radiofonico chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’ a Roma. Ha lavorato al ‘Corriere di Salerno’ come redattrice e collaboratrice esterna. Il suo monito è tratto da una poesia di Frost: “Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono diverso”. La frase che le dà forza è di Eduardo De Filippo: “Lu tiempo de li llacrem’ è passato. Mo’ è tiemp’ ’e core tuosto e faccia tosta”. Laureata in Filosofia e comunicazione all’Università “L’Orientale” di Napoli. Ha conseguito un master in giornalismo all’Università di Salerno.

Un pensiero riguardo “Sanguinaccio: ricetta tipica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi